La Pratica delle Tre Pillole Preziose, Meditazione sulle Tre Sacre Porte: Corpo, Parola e Mente

Nella tradizione Yungdrung Bön tibetana, vi sono alcuni principi di base per la pratica della meditazione dzogchen: la Quiete del Corpo, il Silenzio della Parola e la Spaziosità della Mente. Queste tre qualità innate equivalgono allo stato naturale delle Tre Porte di Corpo, Parola e Mente presenti in ogni essere senziente.

“ Con il corpo del dolore o identità, noi prendiamo la pillola bianca e la trasformiamo in Quiete; con la parola del dolore, prendiamo la pillola rossa e la trasformiamo nel Silenzio; e con la mente del dolore, prendiamo la pillola blu, e la trasformiamo in Spaziosità.
Come entriamo nelle esperienze di Quiete, Silenzio e Spaziosità, il nostro dolore diventa il cammino per la liberazione. Ogni condizione si trasforma in un cammino che ci guida alla liberazione finale, in connessione con l’imperitura essenza. ”

– Geshe Tenzin Wangyal Rinpoche

Le Tre Pillole Preziose (con sottotitoli in italiano)

Introduzione alla pratica di meditazione delle Tre Porte

La pratica delle Tre Porte con Tenzin Wangyal Rinpoche

"Scoprire la Danza dell'a Quiete" - @FB Live 18/01/18
"Trovare la Melodia nel Silenzio" - @FB Live 27/01/18
"Abbracciare il Calore della Spaziosità" - @FB Live 29/01/18

3 commenti su “La Pratica delle Tre Pillole Preziose, Meditazione sulle Tre Sacre Porte: Corpo, Parola e Mente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *