Biografia di Dru Gyalwa Yungdrung e la Trasmissione Esperienziale

La tradizione Yungdrung Bön ha tre principali cicli di insegnamenti Dzogchen e la Trasmissione Orale dello Zhang Zhung Nyen Gyud è la più importante di essi. Druchen Gyalwa Yungdrung (1242-1290) scrisse un manuale di pratica chiamato Gyalwa ChagTri, “Istruzioni Esperienziali Vittoriose“. Questo manuale oggigiorno è utilizzato come base degli insegnamenti Dzogchen dello Zhang Zhung Nyen Gyud. Si dice contenga tutte le pratiche necessarie per realizzare la Natura della Mente ed ottenere la totale illuminazione. Dru Gyalwa Yungdrung (bru rgyal ba g.yung drung) nacque a Yeru Wensakha (g.yas ru dben sa kha) nel Ü-Tsang (Tibet). Fu il quarto figlio di Druzha Sonam Gyeltsen (bru zha bsod nams rgyal mtshan). Anche se non fu ufficialmente riconosciuto come la reincarnazione di un maestro (tulku; Wy:sprul sku), fu considerato come un un giovane uomo molto talentuoso dotato di un’intelligenza straordinaria. Si dice che abbia spiegato il principale lavoro della cosmologia Bonpo — La Sorgente del Tesoro dell’ Esistenza (srid pa mdzod phug) — alla giovane età di 8 anni. Più tardi nell’età adulta, studiò con Dulwa Rinpoche, Druton Dulwa Gyaltsen (‘dul ba rin po che bru ston ‘dul ba rgyal mtshan, 1239-1293) da cui ricevette i voti di monaco totalmente ordinato ed il nome Gyalwa Yungdrung. La sua principale istruzione a quel tempo furono gli insegnamenti esterni ed interni associati alle Formule Segrete (gsang sngags, i.e. Tantra). Un giorno, chiese al suo maestro Dulwa Rinpoche l’introduzione diretta alla natura della mente (ngo sprod) dopo il quale mise in pratica i principi durante i suoi ritiri personali.

Disse di aver dichiarato riguardo se stesso:
Innanzitutto ho richiesto i voti monastici dal mio maestro e li ho preservati in modo etico e puro. Poi mi sono esercitato nell’ascolto agli insegnamenti, riflettendo sul loro significato autentico così da recidere le radici del dubbio e dell’incertezza. Infine, ho richiesto l’introduzione allo stato naturale della mente ed ho così riconosciuto la mia vera essenza. Tutto questo l’ho ottenuto grazie alla gentilezza e benevolenza del mio maestro.

Ricevette poi le trasmissioni dei più importanti insegnamenti delle tradizioni dei “tesori” o Terma (gter ma) del suo tempo, inclusi: i terma dei “trovatori di tesori” Tertön (gter ston) Ponse Khyunggo Tsel (dpon gsas khyung rgod rtsal, 1175) e da Jilton Nam­kha Sonam (dbyil ston nam mkha’ bsod nams) e il nipote del Tertön. I terma du Lungbon Lhanyen (lung bon lha gnyan, b. 1088) dal detentore di lignaggio chiamato Lungbon Tashi Gyaltsen (lung bon bkra shis rgyal mtshan); ed i terma di Maton Soldzin (rma ston srol ‘dzin, 1092) dal lignaggio di Maton Drangsong (rma ston drang srong).

Da Lato Tokden Depa Sherab (la stod rtogs ldan dad pa shes rab) e Zhangton Sonam Rinchen (zhang ston bsod nams rin chen), ricevette le iniziazioni e la lettura delle trasmissioni dalla Trasmissione Orale dello Zhang Zhung (zhang zhung snyan rgyud) e della Trasmissione Esperienziale (nyams rgyud) che diventò la il suo ciclo di pratiche preferito, su cui scrisse perfino un manuale di pratica per la Trasmissione Orale dello Zhangzhung, tutt’oggi largamente utilizzato.

Riguardo i luoghi in cui è stato in ritiro, Gyalwa Yungdrung ha speso molto tempo a Kharne Drak (mkhar sna’i brag) nella regione di Yeru, tanto quanto in altri eremi nel U e nello Tsang. Lì rimase isolato in ritiro, meditando sui principi dello Dzogchen, o Grande Perfezione (rdzogs chen). Si dice che al culmine della sua pratica la saggezza non concettuale (mi rtog ye shes) è sorta spontaneamente durante la sua fase contemplativa e lo purificò dall’attaccamento dualistico, dalle impurità kamiche e dalle elucubrazioni mentali.

Poi fece esperienza di ciò che gli insegnamenti Dzogchen descrivono come “L’Orizzonte della Spontaneamente Perfetta Chiara Luce” (lhun grub ‘od gsal ‘khor yug) durante il quale la sua mente e le visioni si unificarono, diventando indifferenziabili.
E’ detto che in quel preciso istante, lui ottenne la Buddhità nella Vastità della Grande Libertà Primordiale (ye grol chen po’i klong). Ciò significa che realizzò i Tre Corpi (trikaya; sku gsum) come Frutto del Cammino facendo esperienza dell’ irreversibile Grande Beatitudine (bde chen) del Corpo del Dharma o del Bön (bon sku)

Per il resto della sua vita spese il suo tempo a fornire insegnamenti ai fortunati studenti ed a diffonderli nei monasteri e santuari Bönpo nel Ü.  Si dice sia trapassato alla giovane età di 48 anni manifestando molti segni miracolosi a testimoniare il livello della sua realizzazione. Le sue ceneri sono conservate in uno stupa nel monastero di Yeru Wensakha.

Tra i suoi numerosi discepoli, alcuni dovrebbero essere menzionati: suo nipote Druton Sonam Gyaltsen (bru ston bsod nams rgyal mtshan) e Drusha Namkha Ozer (bru sha nam mkha’ ‘od zer) che diventò il suo successore in molte linee di trasmissione, in particolare per gli insegnamenti Dzogchen.

Liberamente tradotto da Jean Luc Achard, Ricercatore presso il Centro di Ricerca Scientifica Nazionale (CNRS) a Parigi ed editore del Revue d'Etudes Tibétaines. Pubblicato nel Gennaio 2011 (https://treasuryoflives.org/biographies/view/Druton-Gyelwa-Yungdrung)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *